Corsi di laurea

Offerta formativa attuale

Laurea in Beni culturali
Il Corso di laurea di Beni Culturali intende formare laureati che abbiano una buona preparazione di base e un adeguato spettro di competenze e conoscenze nei vari settori dei beni culturali (archeologico, storico-artistico, archivistico e librario, teatrale, musicale, cinematografico, demoantropologico, ambientale e paesaggistico), oltre che nella legislazione che li riguarda. I laureati dovranno, inoltre,  essere in grado di usare in modo appropriato la lingua italiana, avendo acquisito il lessico specifico delle discipline studiate, e conoscere almeno un'altra lingua dell’Unione Europea.
Il corso offre per questo insegnamenti di base di letteratura, storia e geografia e l’opportunità di studiare i metodi con i quali i beni culturali vengono analizzati, custoditi, protetti e valorizzati. Propone, inoltre, attività formative mirate alla conoscenza  del patrimonio archeologico, artistico, archivistico, librario, teatrale, musicale, cinematografico, demoantropologico, paesaggistico e ambientale.
A supporto della didattica tradizionale il corso prevede insegnamenti, visite, tirocini, stages, anche presso musei e laboratori, che permettano la conoscenza diretta dei beni culturali, delle metodologie della documentazione, delle analisi dei materiali, del restauro e della conservazione. Questo genere di attività viene organizzato in accordo e in collaborazione con Istituzioni e Enti pubblici e privati, in primo luogo con le Soprintendenze.
Il corso fornisce, inoltre, attività didattiche finalizzate alla conoscenza degli strumenti informatici per l'elaborazione dei testi, delle immagini e per la corretta fruizione dei repertori elettronici relativi ai beni culturali.
Lo studente ha la possibilità di svolgere una parte del curriculum degli studi in Università di altri paesi della UE, grazie agli scambi Erasmus. 

Dati statistici relativi alla soddisfazione sul corso di studio da parte dei laureati e Percentuali di occupazione dei laureati (a cura di Almalaurea)

 
Laurea in Lettere
L’obiettivo della laurea triennale in lettere è quello di formare laureati interessati a  conoscere e far conoscere criticamente i «prodotti culturali» dell'umanità, nelle varie epoche della sua storia: il linguaggio, la letteratura, la storia, il territorio in quanto plasmato dall'uomo (geografia umana), la musica, lo spettacolo, ecc., l'arte.
I laureati in lettere dovranno dunque
- innanzitutto avere piena padronanza della lingua italiana, orale e scritta;
- acquisire una solida formazione di base negli studi linguistico-filologici, letterari, storici, geografici, storico-artistici, con particolare riferimento alla tradizione italiana (dall’età classica a oggi) nel contesto europeo; dovranno acquisire conoscenza diretta di testi e documenti in originale;
- conoscere una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano;
- saper utilizzare gli strumenti informatici e della comunicazione telematica;
- sviluppare adeguate capacità di comunicazione e di relazione.
 
Il corso di laurea in Lettere è articolato in due curricula, uno letterario e uno storico.
il primo anno, comune a tutti i percorsi, presenta accentuate caratteristiche propedeutiche ed ha lo scopo di fornire conoscenze, capacità e competenze relative alla formazione storico-letteraria, filologica, linguistica, storia e geografica di base. Nel secondo anno si completa la formazione di base e si lascia spazio alla specializzazione, secondo i due curricula. Il terzo anno è quasi interamente dedicato alle specificazioni del percorso scelto e alla preparazione della prova finale.
Maggiori informazioni si trovano nel «Regolamento del corso di studio».

Dati statistici relativi alla soddisfazione sul corso di studio da parte dei laureati e Percentuali di occupazione dei laureati (a cura di AlmaLaurea)

 
Laurea in Scienze della comunicazione

Il corso di laure in Scienze della comunicazione intende offrire una preparazione di base nel campo delle discipline della comunicazione, con particolare riferimento ai campi dell'editoria e del giornalismo. Il laureato sarà in grado di governare diversi campi della comunicazione, come quelli dei sistemi editoriali e della comunicazione pubblica, o quelli più specialistici della comunicazione d'impresa, fino alla pubblicità nei suoi diversi aspetti.
Tali competenze saranno raggiunte attraverso lo studio delle discipline linguistiche (lingua italiana e lingua inglese, oltre ad una seconda lingua straniera), come quelle informatiche e dei media, che rivestono un ruolo cruciale nell’affrontare le sfide della comunicazione, senza tuttavia trascurare allo stesso tempo l’approfondimento delle scienze umane e sociali, dalla filosofia alla sociologia, dalla psicologia sociale alla storia contemporanea. Questi approfondimenti sono importanti sul piano dei contenuti e possono costituire la base di partenza sia per gli studi successivi a livello di laurea magistrale, sia per l’applicazione concreta sul piano professionale nel campo dell’editoria e del giornalismo.

Dati statistici relativi alla soddisfazione sul corso di studio da parte dei laureati e Percentuali di occupazione dei laureati (a cura di AlmaLaurea)
 
Inserisci la matricola per vedere la tua offerta formativa nell'anno corretto.

Offerta formativa