Letteratura latina (i) (2017/2018)

Codice insegnamento
4S01353
Docente
Renata Raccanelli
Coordinatore
Renata Raccanelli
crediti
6
Settore disciplinare
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Sem. 2A, Sem. 2B

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Obiettivi formativi:
L’insegnamento si propone di offrire un approccio alla lingua e alla letteratura latina, mediante la lettura diretta e guidata di un campione di testi in lingua originale. La scelta dei testi è funzionalizzata a una riflessione su categorie culturali rilevanti per l’antichità romana: tale riflessione viene sviluppata attraverso l’analisi linguistica e storico-letteraria dei passi, ma anche grazie a un esame dei loro rinvii all’immaginario monumentale e iconografico antico.
Prerequisiti: conoscenze di base della lingua latina.
Risultati di apprendimento attesi: al termine dell’insegnamento lo studente
-conosce fonetica, morfologia e sintassi di base della lingua latina;
-conosce i lineamenti essenziali della storia della letteratura latina;
-è in grado di tradurre e analizzare i testi del percorso proposto;
-sviluppa capacità autonome di comprensione e interpretazione del testo, orientandosi nella sua contestualizzazione storico-letteraria, nel riconoscimento dei suoi rinvii figurativi e artistici, come nel confronto fra le categorie culturali antiche e quelle contemporanee;
-affina le capacità comunicative, elaborando una riflessione linguistica attraverso la pratica della traduzione, consolidando il lessico specifico storico-letterario e ampliando il vocabolario di base latino connesso alle aree semantiche pertinenti al percorso testuale;
-è stimolato a sviluppare capacità autonoma di riflessione sui metodi applicati e di soluzione dei problemi.

Programma

Programma:
I Fasti di Ovidio: rappresentazione del tempo e raffigurazioni mitiche. Traduzione e commento di passi scelti: vv. 1. 27-60; 1.63-288; 2.533-684; 4. 247-348.
Il percorso di lettura attraverso i Fasti ovidiani sarà condotto in modo da sviluppare i seguenti approfondimenti tematici e metodologici:
-il tema del tempo a Roma, con particolare riferimento all’epoca augustea (lessico e computo del tempo, organizzazione del calendario, dato storico e valenze simboliche, aspetti topografici, epigrafici e iconografici);
-il tema del tempo nel poema ovidiano, in relazione alla politica culturale augustea;
-aspetti del gioco con i generi letterari nel poema ovidiano.

Testi di riferimento:
-P.Ovidio Nasone, I Fasti, Introduzione e traduzione di Luca Canali, note di Marco Fucecchi, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano 1998.
-P. Ovidi Nasonis Fastorum libri sex, recensuerunt E.H. Alton, D.E.W. Wormell, E. Courtney, Leipzig 1997 (IV ed.).

-A. Cavarzere-A. De Vivo-P. Mastandrea, Letteratura latina. Una sintesi storica, Roma, Carocci, 2003 (percorsi scelti).
-A. Traina-G. Bernardi Perini, Propedeutica al latino universitario, Bologna, Pàtron, 1998 (o edizione successiva): capitoli I-III.

Letture:
-M. Beard, Gli spazi degli dei, le feste,in Roma antica, a cura di A.Giardina, Roma-Bari, Laterza 2000, pp. 35-56.
-M. Bettini, Dèi e uomini nella Città. Antropologia, religione e cultura nella Roma antica, Roma 2015, pp. 11-55.
-M.Bettini, Tacimi o Diva. La Musa del silenzio nella cultura romana, in I Poeti credevano alle loro muse? a cura di S. Beta, Firenze Cadmo, 2006, pp. 77 – 94.
-Terrantica. Volti, miti e immagini della terra nel mondo antico, a cura di M.Bettini e G.Pucci, Milano, Electa, 2015, pp. 98-111; 172-191.
-E. Merli, I Fasti, l’Eneide, e il Lazio Primitivo: l’esempio di Giano, in: G. La Bua (a cura di), Vates operose dierum: studi sui Fasti di Ovidio, Pisa 2010, pp. 17-35.
-A. Invernizzi, Il calendario, Roma 1994.
--P. Zanker, Augusto e il potere delle immagini, trad. it. Torino, Bollati Boringhieri 2006, pp. 109-147; 179-229.

Metodi didattici:
Lezioni frontali ed esercitazioni.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
A. Cavarzere, A. De Vivo, P. Mastandrea Letteratura latina. Una sintesi storica 2003
A. Traina, G. Bernardi Perini Propedeutica al latino universitario 1998

Modalità d'esame

Modalità di esame:
La prova d’esame consiste in un colloquio nel quale sarà accertato il grado di capacità autonoma di
-leggere, comprendere e tradurre i testi latini in programma, con riferimento specifico alle conoscenze linguistiche di base (fonetica, morfologia e sintassi latina);
-orientarsi nella contestualizzazione storico-letteraria e culturale dei testi;
-esporre con chiarezza e proprietà temi e argomenti di storia letteraria latina;
-discutere con chiarezza e proprietà il contenuto dei saggi in programma.

N.B. Gli studenti non frequentanti sono invitati a rivolgersi alla docente per concordare letture integrative.


Statistiche per i requisiti di trasparenza (Attuazione Art. 2 del D.M. 31/10/2007, n. 544)

I dati relativi all'AA 2017/2018 non sono ancora disponibili